Disinfestazioni Cimici dei Letti Firenze

Condividi:

Alcuni tra insetti più pericolosi presenti nelle nostre case sono le cimici dei letti. Le cimici dei letti sono anche noti con il nome di cimicidae latreille. Sono una famiglia di insetti che appartengono all’ordine dei rincoti heteroptera. Le cimici dei letti vengono spesso indicati anche solo con il nome di “cimici” e sono degli eterotteri specifici, associati agli uomini in quanto tendono ad aggredirlo. Questi insetti depongono le loro uova praticamente fino a 5 volte al giorno e possono depositarne un massimo di 500 in tutta la vita.

In poche settimane, riescono a far schiudere con le uova e fargli raggiungere la maturità sessuale. Si nutrono anzitutto di sangue e riescono anche a sopravvivere circa un anno senza nutrirsi. Solitamente vivono di notte e sono tratte dal calore corporeo e dal diossido di carbonio che esaliamo durante le fasi della nostra respirazione. Riescono a perforare la pelle e creare delle piccole ferite. Le cimici possono stare anche un anno e mezzo senza alimentarsi ma cercano di nutrirsi al massimo ogni 10 giorni. Si attivano nelle parti più esposte come braccia, viso, gambe, mani e piedi. Esistono vari tipi di cimici dei letti ed in particolare 108 specie, ripartite in 22 generi diversi.

La puntura delle cimici dei letti

Le cimici dei letti sono diffuse praticamente in ogni tipo di clima e preferiscono insediarsi all’interno dei tessuti. Quando qualcuno viene punto da questi animali, la pelle si rigonfia ed è sicuro andare incontro a qualche rischio, oltre ad un intenso prurito. Ognuno reagisce in maniera diversa ma in generale ci potrebbero essere delle evidenti reazioni cutanee. Coloro che vivono nel letto abitato da queste cimici, possono anche reagire alle punture con insonnia, ansia e stress. Sarebbe anche opportuno trattare questo tipo di fenomeno con l’uso di corticosteroidi e antistaminici. Per ridurre invece l’effetto delle lesioni e il prurito si potrà anche utilizzare l’idrocortisone.

L’infestazione da cimici dei letti

Le cimici dei letti possono creare una vera e propria infestazione in un’abitazione e quindi è opportuno subito provvedere per evitare fenomeni di questo genere. Quando gli insetti crescono, lasciano delle macchie sui tessuti sotto forma di accumuli neri oppure marroni. Le punture indicano le attività degli insetti e trovare invece i segni delle loro feci per riuscire ad individuare una infestazione in corso. Posso essere riconosciute dal fatto che sono prive di ali, sono molto piccole ovvero un massimo di 5 mm. Hanno un colore marrone fino al rosso scuro. È opportuno fare un controllo per cercare di trovarne, ma hanno anche uno sgradevole odore dolciastro.

Liberarsi dalle cimici dei letti

Le cimici dei letti possono essere presenti soprattutto nei tessuti: per cercare di prevenire la loro presenza bisogna sempre controllare tutti i nascondigli possibili, come le spalliere e le testiere di letti e biancheria. Anche i vestiti devono subito essere tolti dalla valigia e lavati dopo il viaggio, bisogna esaminare tutte le superfici e fare attenzione all’eventuale presenza di carta da parati. Per liberarsi delle cimici dei letti bisogna utilizzare anche dei prodotti specifici che solitamente agiscono a caldo, con un trattamento ben preciso. I prodotti utilizzati sono quelli a base di permetrina, oltre a Microsene o Microsin. Per cercare di ripulire l’ambiente è opportuno anche utilizzare etofenprox, tetrametrina e piperonil butossido.